La storia della Sezione

Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa

La sezione di COLLEGNO

Il giorno 8 Dicembre 1976, in COLLEGNO (Torino), alla presenza del Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa, comandante della 1^ Brigata Carabinieri di Torino,Colonnelli Denaro e Calabrese, Dr. Francesco Balletta, ispettore Regionale per il Piemonte dell’ Associazione, Capitano Pietro Calisti Comandante Comandante della compagnia Carabinieri di Rivoli, Marescialli Giuseppe Chillemi e Antonio Mastronardi, rispettivamente comandanti delle stazioni di Collegno e Alpignano, Sig. Luciano Manzi, Sindaco di Collegno e rappresentanza delle associazioni Combattenti alpini ed A.N.P.D. è stata innaugurata la sede dell’ associazione sita in via Martiri XXX Aprile n. 77, la Bandiera offerta dal Generale Dalla Chiesa è stata benedetta da Don Massimo il Trinchero della parrocchia di Regina Margherita madrina Sig.ra Daria Simona Dalla Chiesa in Curti.
S.ra Daria Simona Dalla Chiesa in Curti
In Piemonte, la lotta alle Brigate Rosse 
 
Nel 1973 fu promosso al grado di generale di brigata, nel 1974 divenne comandante della regione militare di nord-ovest, con giurisdizione su Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria. Si trovò cosi a dover combattere il crescente numero di episodi di violenza portati avanti dalle Brigate Rosse, e al loro crescente radicarsi negli ambienti operai. Per fare ciò, utilizza i metodi che già aveva sperimentato in Sicilia, infiltrando alcuni uomini all’interno dei gruppi terroristici al fine di conoscere perfettamente gli schemi di potere del gruppo.
Nell’aprile del 1974 viene rapito dalle Brigate Rosse il giudice genovese Mario Sossi, con il qualele Br volevano barattare la liberazione di 8 detenuti della banda.
22 Ottobre. Ad Alessandria, una rivolta dei detenuti che avevano preso degli ostaggi viene stroncata dal procuratore generale di Torino, Carlo Reviglio Della Veneria e dal generale dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa che ordinano un attacco militare che si conclude con l’uccisione di due detenuti, di due secondini, del medico del carcere e di una assistente sociale. Dopo aver selezionato dieci ufficiali dell’arma, Dalla Chiesa creò nel maggio del 1974 una struttura antiterrorismo denominata Nucleo Speciale Antiterrorismo con base a Torino.